testata

Anno  2017  -  Numero 2

 

L'EVENTO E LE SUE CARATTERISTICHE

Francesco RANERI

 

Abstract

Gli eventi esistono da sempre, basta pensare ai primi giochi olimpici del 776 a.C, ma solo recentemente, questi, hanno acquisito un certo rilievo. Il project consultant Paolo Dalla Sega spiega che si è passati dal carattere vincolante delle feste/eventi tipico delle società arcaiche, dove le regole morali inducevano ogni persona a rispettare quelle che erano le feste “comandate”, alla libertà, intesa come capacità di scelta, di partecipare o meno, di preferire un evento oppure un altro.  L’evento possiamo considerarlo un efficace mezzo di comunicazione, soprattutto in riferimento alla promozione di un’attività, di un’impresa, di un’azienda. Quando si parla di evento, si pensa immediatamente ad una esperienza unica organizzata che segue un determinato obiettivo. Si può considerare come la concretizzazione di un’idea, nonché un avvenimento straordinario che comporta la presenza di un organizzatore e, in alcuni casi, la partecipazione di un numero ridotto di persone, in altri casi, quella di una moltitudine di gente. Goldblatt evidenzia l’unicità dell’evento, in pratica rappresenta ciò che è diverso da una normale giornata di vita. Questa unicità è data da diversi fattori, quali: progettazione, organizzazione, partecipanti, location, programma e così via… Secondo Donald Getz l’evento ha una dimensione celebrativa, da considerare come un momento diverso dalla quotidianità, un’esperienza piacevole sociale o culturale.

L’evento, oggi, viene preferito rispetto ai classici strumenti di comunicazione; Behrer e Larsson lo definiscono come un’attività che ha lo scopo di inviare determinati messaggi nell’immediato, di realizzare e condividere momenti ricreativi per uno specifico pubblico, in un luogo e in un momento ben definiti.

In Italia gli eventi hanno avuto un’ evoluzione nel corso dei decenni. Si è passati dall’evento visto ed utilizzato come un optional, un abbellimento conclusivo di una campagna di comunicazione tipico degli anni ’60, all’evento con la partecipazione di un opinion leader negli anni ’70; mentre negli anni ’80 l’evento cambia la sua primaria utilità di promozione, nonché di comunicazione e acquisisce la caratteristica di intrattenimento. A partire dagli anni ’90, fino ad arrivare ai giorni nostri, l’evento diventa il momento in cui si trasmettono messaggi ben definiti; la comunicazione è al centro della scena.

L’event management non viene lasciato al caso, nascono i cosiddetti event manager, gli specialisti del settore con competenze di un certo rilievo nel campo della comunicazione d’impresa e delle relazioni pubbliche.

 

Keywords

competenza – struttura – progettazione – organizzazione – pianificazione

 

Full text

   icona pdf

cclicense

I contenuti redazionali di questo sito sono distribuiti con una licenza Creative Commons, Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) eccetto dove diversamente specificato
Direttore Responsabile Francesco Raneri
Direttore Editoriale Maximiliano E. Korstanje
Testata iscritta al n. 15/2016 del Registro della Stampa del Tribunale di Catania

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo